Home » Le genti del parco

L'Uomo e il Parco

I primi insediamenti umani nel territorio che oggi costituisce il Parco Nazionale d'Abruzzo risalgono all'Era paleolitica, all'incirca ventimila anni fa.

Carta antica del Fucino

A quell'epoca, durante la stagione calda le popolazioni del Fucino risalivano le montagne della Marsica in cerca di selvaggina.
Nel tempo, con una situazione climatica migliore, l'uomo iniziò ad abitare in maniera più permanente questi luoghi di montagna: le prime popolazioni che in epoca storica si insediarono nell'attuale territorio dei Parco furono preromaniche anzitutto i 'bellicosi' Marsi, oltre ai Pelígni e a Sanniti, famosi per aver lasciato lasciato testimonianze della loro cultura ad Alfedena (l'antica Aufidena).
Nel settore laziale, Equi, Volsci ed Ernici.
I Romani non segnarono in modo evidente il territorio, tuttavia tracce dell'epoca romana non mancano, rappresentate da lapidi e iscrizioni. Briganti

Più tardi vi fu l'avvento dei Barbari, con invasioni di longobardi e scorrerie di Saraceni.
Il Medioevo è segnato dalla formazione di antichi borghi, arroccati su colli e rilievi di pietra, così come si presentano ancora oggi alcuni villaggi dei Parco.
Una netta impronta, in epoca più recente, è stata data dal Regno Borbonico delle Due Sicilie attraverso la cultura, le tradizioni, i costumi e la lingua.

Purtroppo gran parte dei patrimonio architettonico e storico più pregiato è andato perduto, sia per il terribile terremoto del 1915 che distrusse gran parte della Marsica, sia a causa della forte espansione urbanistica che, all'insegna della 'valorizzazione turistica', tra gli anni Cinquanta e Sessanta aggredì gli antichi centri dei Parco e la natura circostante con lottizzazioni abusive, residence, strade e stazioni sciistiche.

Antica torre medioevale a Ortona dei MarsiTuttavia esistono ancora luoghi, tradizioni, culture e costumi modellatisi attraverso l'antica civiltà agrosilvo-pastorale legata a un'economia di semplice sussistenza: oltre alla pastorizia, anche l'agricoltura, sebbene in forma più ridotta e semplice, ha potuto godere di un modesto sviluppo con piccoli campi coltivati sulle pendici esposte a sud e sui fondovalle più accessibili, dove venivano coltivati grano, granturco e pochi ortaggi e legumi.

Anche l'attività forestale ha avuto una notevole importanza nella cultura locale di questo territorio. Accanto a queste principali vocazioni e tradizioni ha registrato una discreta fioritura l'artigianato, con la lavorazione del legno e della pietra.

La pastorizia

La pastorizia transumante, sin da tempi remoti, è stata sicuramente una delle principali attività locale.

Graggi transumanti

l pastori attraverso i 'tratturi' conducevano le greggi periodicamente dalle montagne d'Abruzzo alla pianura del Tavoliere di Puglia e viceversa.

Il Regio Tratturo

Nel territorio del Parco si trovano ancora gli 'stazzi', semplici strutture in pietra poste in luoghi montani appartati per il ricovero dei pastori che seguivano i greggi.

© 2009 Ente Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise - Viale Santa Lucia - 67032 Pescasseroli (AQ) - Tel. 0863/91131 - info@parcoabruzzo.it - p.iva 02304991009 - netpartner: Parks.it